Home it Italiano
Tutto quello
che devi sapere
sulla Toscana

Le Chiese di Firenze

Firenze è una città ricca di Chiese.

Le più importanti sono sicuramente Santa Croce, il Duomo di Firenze e Santa Maria Novella. Ma anche San Lorenzo, San Miniato vicino al Piazzale Michelangelo e San Marco offrono bellezze artistiche per i turisti.

La Chiesa di Santa Maria Novella

A due passi dalla stazione centrale di S.M.Novella, ha un giardino davanti dove anticamente venivano disputati giochi in costume. Ha un bellissimo chiostro. L’edificio, realizzato tra il 1246 e il 1360, è una splendida testimonianza del gotico fiorentino. La facciata principale è suddivisa in due parti: il livello inferiore ricorda lo stile romanico del Battistero, mentre le rigide geometrie del livello superiore sono opera di Leon Battista Alberti. Indubbiamente merita una visita anche lo splendido Chiostro verde di Santa Maria Novella, così chiamato per gli affreschi in terra verde eseguiti da Paolo Uccello, ancora visibili ed in perfetto stato di conservazione.

Chiesa di Santa Croce (scheda)

E’ stata resa immortale dai Sepolcri di Foscolo, che scelse di esser seppellito al suo interno, insieme a tutti gli altri grandi artisti che qui hanno la propria tomba: Michelangelo, Vittorio Alfieri, Galileo.. La chiesa e tutto il complesso offrono opere di Giotto, del Brunelleschi, del Cimabue (il famoso crocifisso rovinato dall’Alluvione del ‘66), dell’Orcagna e di molti altri artisti fiorentini.
La chiesa di Santa Croce si trova nella più scenografica e pittoresca piazza di Firenze, un perfetto quadrilatero nel quale si specchiano palazzi signorili di impianto rinascimentale, dove tuttoggi viene giocato il Calcio in costume nel mese di giugno. La Basilica di Santa Croce fu progettata da Arnolfo di Cambio ed ultimata verso la metà del Trecento, eccezion fatta per il prospetto e il campanile che risalgono invece all’Ottocento. Attraversando il Chiostro di Arnolfo si raggiunge la Cappella dei Pazzi, eccellente esempio di architettura rinascimentale, realizzato dal Brunelleschi su incarico di un membro della famiglia Pazzi, passata alla storia per aver tentato una congiura ai danni della famiglia Medici.

Piazza e Chiesa di San Marco

Si tratta di un edificio semplice ed elegante, di impianto rinascimentale ma con una facciata che risale al pieno Settecento. Attiguo alla Chiesa è il Convento di San Marco che ospita il Museo: qui si trovano numerosi capolavori del Beato Angelico, tra le quali la celeberrima Annunciazione, oltre ad opere di Paolo Uccello e Domenico Ghirlandaio.

Vicina alla Piazza San Marco si trova la Galleria dell’Accademia, alla quale si accede da via Ricasoli, dove è conservata la statua originale del David di Michelangelo. Istituita nel Settecento, la Galleria offre un campionario vastissimo della pittura Cinquecentesca, ma il suo tesoro più prezioso sono due sculture dei Prigioni di Michelangelo (le altre due si conservano al Louvre) e il capolavoro del maestro fiorentino, il David, una copia del quale è ancora visibile nella collocazione originaria, in Piazza della Signoria. Il David, simbolo della città, fu scolpito da Michelangelo per celebrare il rientro dei Medici a Firenze, dopo la cacciata del 1494.

Piazza e Chiesa di Santissima Annunziata

Uno spazio ampio, elegante e razionalmente progettato sul quale si affacciano sia la Chiesa omonima che lo Spedale degli Innocenti. La Chiesa della Santissima Annunziata fu rimaneggiata da Michelozzo nel Quattrocento, partendo da un edificio preesistente: la sua caratteristica di maggior pregio è lo splendido portico rinascimentale e le cappelle interne custodiscono diverse opere d’arte. Un bellissimo porticato incornicia anche lo Spedale degli Innocenti, suggestivo esempio di architettura rinascimentale impreziosito dalle ceramiche dei Della Robbia, progettato dal Brunelleschi che a partire dalle sue linee architettoniche definì poi lo stile armonioso di tutti gli altri edifici che si affacciano sulla piazza.

Piazza e Chiesa di Santo Spirito

Attraversando il Ponte Santa Trìnita ci si ritrova in via di Santo Spirito, nel cosiddetto Diladdarno. Anche in questo caso la chiesa e la piazza portano lo stesso nome e sono entrambe esempi mirabili del rinascimento alla maniera di Firenze. La Chiesa di Santo Spirito fu progettata dal Brunelleschi, la facciata risale al XVIII secolo e il campanile è opera di Baccio d’Agnolo. Sobrio e raffinato, l’interno è a croce latina e conserva un bellissimo presepe eseguito dagli allievi del Ghirlandaio, oltre a molti altri saggi di pittura fiorentina.

Chiesa di Santa Maria del Carmine

La Chiesa è di origine romanico - gotica, ma venne ricostruita nel Settecento a causa di un devastante incendio. Capolavoro pittorico del Rinascimento è la Cappella Brancacci, interamente affrescata dai maestri di questo periodo come Masaccio, Filippino Lippi e Masolino da Panicale.

In breve: Firenze è una città ricca di Chiese tra le più importanti: Santa Croce, il Duomo e Santa Maria Novella.
Booking.com