Home it Italiano
Tutto quello
che devi sapere
sulla Toscana

Il Duomo di Arezzo

La costruzione del Duomo di Arezzo risale al lontano 1278 e si è definitivamente conclusa nel 1914, se consideriamo che il campanile e la facciata sono postume. Imponente, semplice e al tempo stesso elegante, il Duomo si trova nel punto più alto della collina aretina e dà come l’impressione che domini silenzioso sulla città.

Molte sono le opere di grande rilievo artistico conservate nella chiesa, tra cui le magnifiche terrecotte dei fratelli Della Robbia, custodite nella Cappella della Madonna del Conforto, separata da una grande transenna. Le vetrate istoriate poi donano al Duomo quel tocco magico, filtrando la luce in modo da ammirare i dipinti disposti sulle prime tre campate della navata.

Lungo la navata centrale si trova l’opera più importante del Duomo, la tomba del Vescovo Guido Tarlati, decorata con splendidi rilievi marmorei attribuiti a Giotto, che raffigurano la vita e la carriera militare del vescovo; sul lato destro della tomba invece si trova un piccolo affresco di Piero della Francesca che raffigura la Maddalena.

Dopo aver visitato il Duomo potrete accedere al Passeggio del Prato, il parco pubblico della città che porta alla Fortezza Medicea, di cui purtroppo rimangono soltanto i bastioni, in seguito alla demolizione avvenuta nel XVIII secolo.

Da visitare sono senza dubbio anche il Museo Diocesano e la Casa del Petrarca, all’interno della quale sono ancora custoditi libri e manoscritti originali.

Foto di: http://www.flickr.com/photos/lumao

In breve: Il Duomo di Arezzo, imponente e sobrio nella sua spettacolarità, si erge nel punto più alto della collina aretina, in cima alla città.
Booking.com