Home it Italiano
Tutto quello
che devi sapere
sulla Toscana

Museo della Opera del Duomo

Il Museo dell’Opera del Duomo, che ha sede qui dal XV secolo, nella parte est della piazza del Duomo, venne aperto nel 1891.

All’inizio sarebbero state principalmente le due cantorie di Luca della Robbia e Donatello, allontanate dal Duomo già nel 1688 a ritrovare qui il modo di essere mostrate al pubblico. Nel corso del XX secolo la dotazione del museo ha continuato a crescere e sempre più pezzi originali, in particolare sculture, provenienti dal Duomo, dal Campanile o dal Battistero vennero raccolti qui.

Oggi il Museo dell’Opera del Duomo può essere considerato una delle raccolte di sculture più importanti del mondo e ospita inoltre significative testimonianze della storia della costruzione del Duomo.

Nella sala della facciata del Duomo sono esposte le sculture che si trovavano originariamente nella vecchia facciata del Duomo smontata nel 1588.

Dalla mano del primo maestro del Duomo, Arnolfo di Cambio, proviene la scultura in marmo di santa Reparata, la martire del primo cristianesimo a cui era dedicata l’antica cattedrale della città.

Dalle nicchie della primitiva facciata provengono le figure dei quattro evangelisti, esposte nella stessa sala. Della loro realizzazione vennero incaricati Niccolò di Pietro (san Marco), Donatello (san Giovanni), Nanni di Banco (san Luca) e Bernardo Ciuffagni (san Matteo) negli anni che vanno tra il 1408 e il 1411.

nella foto: Entrata del Museo dell’Opera
foto di http://www.flickr.com/photos/vt_professor