Visita i siti del network: InfoRoma.org | InfoFirenze.com | BassoLazio.com | Hotel Lampedusa
Promuovi la tua attivitattività

Itinerari more

cartina di firenze

Palazzo Pitti

Palazzo Pitti fu commissionato dal ricco mercante Luca Pitti, alla metà del XV secolo, secondo i più su progetto del Brunelleschi, anche se qualcuno ritiene che il progetto originario sia di Leon Battista Alberti.

Luca Pitti era un esponente di una delle famiglie fiorentine più ostili ai Medici, e voleva che la residenza della sua famiglia fosse la più fastosa e la più grande della città.

Si presenta come un’enorme blocco a tre piani, con rivestimento a bugnato, e due piani superiori con balconate continue sulle quali si aprono due ordini di finestre aperte fino al pavimento. Secondo la leggenda Luca Pitti fece realizzare le finestre così grandi perché voleva che fossero più grandi del portone della residenza medicea.

I Pitti si indebitarono irrimediabilmente a causa della sua costruzione, tanto che alla metà del XVI secolo, il palazzo fu venduto alla moglie di Cosimo I de’Medici, Eleonora di Toledo.

Nel corso dei secoli il palazzo fu sottoposto ad ampliamenti e aggiunte, a partire dall’Ammannati che realizzò il cortile, poi col Vasari cui si deve la realizzazione del “corridoio vasariano” che attraversava Ponte Vecchio per collegare palazzo Pitti con Palazzo Vecchio.

Nel XVII – XVIII secolo Pietro da Cortona realizzò le decorazioni interne in puro stile barocco.

Dimorarono a Palazzo Pitti prima i Lorena, poi i Savoia, che lo abitarono negli anni in cui Firenze fu capitale d’Italia (1865-71).

Oggi Palazzo Pitti ospita la Galleria Palatina, la Galleria d’arte moderna, la Galleria del Costume, il Museo degli Argenti, il Museo delle Porcellane e il Giardino di Boboli.

Turismo more

Offerte speciali more